Press "Enter" to skip to content

Cristiano Ronaldo, la Insparya e il ritorno di “olimpia”

Cristiano Ronaldo è tornato a Madrid. Il motivo? Dei più inattesi: ha aperto una clinica per il trapianto di capelli. La Insparya Global Hair Medical Clinic S.L.. Catena di alberghi, profumi, abbigliamento, ora anche una clinica medica.

In una foto sul sito della clinica, l’“equipo” si lascia fotografare sulla scalinata d’ingresso. Tengono tutti o quasi le braccia conserte e in parte coprono quello che, con ogni probabilità, è un portone a doppio vetro. La palazzina su due livelli sembra quella dove vanno gli anziani per le cure termali. Dalla ghiaia alle finestre, tutto qui conserva una certa incontaminata aura. Come se quello dei capelli non fosse un intervento come un altro (in media, circa 6 ore a seduta), ma fosse proprio una postura, un certo modo di abitare il mondo.
Più sotto, la foto di Cristiano. Accanto il virgolettato:

«Mi vida profesional ha estado marcada por desafíos constantes, algunos obstáculos y muchas victorias, pero siempre movida por un alto sentido de dedicación, determinación, ambición y superación. Trazos marcados de mi personalidad y determinantes en mis logros»

Dedizione, determinazione, ambizione, superamento. Qual è il movimento di questo elenco? Si poggia sulla semplice sinonimia o su una differente stratificazione e accumulazione di significati? Di certo c’è almeno una bipartizione: quattro parole, le prime tre servono ad arrivare all’ultima.
Il movimento è chiaro, il transfert altrettanto: dal fuoriclasse portoghese alla clinica medica, che ne assorbe le qualità costituenti.

Poi sotto:

«Insparya es la materialización de mi visión para el futuro, una palanca para grandes descubrimientos, un camino para explorar otras posibilidades en el área de medicina, investigación y tecnología»

E qui si compie il rovesciamento: la clinica è la materializzazione della sua visione del futuro. Un modo di esplorare possibilità, ricerca, tecnologia. Qui è Cristiano ad assorbire il climax ascensionale proprio di Insparya.

Forse perché proprio il fuoriclasse, più di tutti, condensa l’idea d’atleta antico: modello di bellezza fisica e armonia divina (nel gesto atletico, s’intende). Il ritorno d’olimpia, ma robotizzato.
Una risultante che solo la determinazione dell’uomo e la disponibilità ad essere permeati dalla tecnica (sono note, ad esempio, le sue sedute in una camera criogenica a -200 gradi o il recente uso dichiarato di EMS technology) possono determinare.

Credit Foto: pagina Facebook ufficiale Cristiano Ronaldo

Commenta per primo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popmag è una testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Macerata - numero 633 del 14 Febbraio 2018